UNIVERSITA' ITALIANE

Home » Università italiane

L’aspirante studente in Scienze Motorie dovrebbe essere ben informato sull’intero percorso formativo universitario quinquennale previsto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per comprendere a pieno le competenze che potrà acquisire in ciascun corso di laurea e di conseguenza anche le mansioni lavorative derivanti dal percorso formativo che si vuole intraprendere.

I piani didattici dei corsi triennali e magistrali possono subire delle variazioni in base alle scelte effettuate dai singoli Corsi di Laurea di ciascuna Università, tuttavia essi dipendono dai piani didattici stabiliti dal MIUR.

Tutte le informazioni complete sui corsi di laurea triennali e magistrali (piani didattici previsti dal MIUR e dalle singole università, ubicazione, sbocchi lavorativi, ecc.) sono consultabili online nel sito di SISMES nella sezione Formazione del menu, nello specifico si trovano nell sottosezioni Corso di Laurea Triennale e Corsi di Laurea Magistrali.

Il percorso di laurea quinquennale in Scienze Motorie si suddivide in un corso di laurea triennale unico denominato Scienze delle Attività Motorie e Sportive (classe L-22) e tre corsi di laurea magistrali con tre indirizzi di specializzazione differenti: LM-67 Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate; LM-68 Scienze e Tecniche dello Sport; LM-47 Organizzazione e Gestione dei Servizi per lo Sport e le Attività Motorie.

Alcune università italiane offrono anche la possibilità di svolgere un Dottorato (PhD) formazione accademica necessaria per diventare ricercatori nell’ambito delle Scienze Motorie e Sportive e Master Universitari di I e II livello specializzanti. Ai Master Universitari di I livello hanno normalmente accesso i laureati triennali e magistrali, invece ai Master Universitari di II livello l’accesso è consentito solamente ai laureati magistrali.

I titoli di accesso all’insegnamento scolastico per le classi di concorso A-48 e A-49 rispettivamente riferite all’insegnamento delle scuole secondarie di I e II grado, secondo le ultime indicazioni del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), sono tutte le lauree magistrali.